Proverbi popolari

L’òmmunu è cumm’a lu puorcu: è bbuonu sulu roppu muortu
(L’uomo è come il porco, dicevano le donne, è buono solamente dopo morto)

La fémmena tène sette spiriti cumm’a la atta
(La donna possiede sette spiriti, cioè sopporta le malattie, come la gatta)

Na fammene e na papera arrevutàre Napule
(Una sola femmina ed una sola papera riuscirono a mettere in subbuglio l’intera città di Napoli)

R’asini s’incapriccenee ri varrile se sfàscene
(Gli asini bisticciano tra di loro e i barili si sfasciano)

La fémmena nun se lu porta lu ciucciu int’a lu liettu, sulu pecchè li strazza re llenzole
(La donna non si porta l’asino nel suo letto, solo perché teme che le stracci le lenzuola)

Chi nun vole bbene a l’animali nun volu bbene mancu a li cristiani
(Chi non vuole bene gli animali, non vuole bene neppure i cristiani)

Chi téne nu purcieddu lu ngrassa, chi téne nu figli sulu lu face pacciu.
(Chi alleva un solo maialino, riesce ad ingrassarlo, chi cresce un solo figlio, col concedergli tutto, lo rende matto)

Ro pesc gross se magna ro piccirill
(Il pesce grande divora il piccolo)

A’ttacca u ciucciu addhru volé u patrunu
(Lega l’asino nel posto in cui lo vuole il suo padrone)

La caddhrina face l’ou e allu caddhru ne usca lu culu
(La gallina fa l’uovo e il gallo ne sente il dolore)

Sape cchiu lu ciucciu a casa sua ca lu mésciu a casa te l’addhrri
(Sa di più un asino a casa sua che un professore in casa d’altri)

Ro pesc da ro cape feta
(Il pesce puzza dalla testa)

Acqua quite verme mena
(Acqua ristagnante genera vermi)

Quannu la caddhrina canta e lu caddhru tace a casa nun c’è pace
(Quando la gallina canta e il gallo tace, in casa non c’è pace)

Tira di cchiu lu pelu e fica, cch’è u carr’è e bbuoi inta’a salita
(Tira di più una donna che un carro di buoi in salita)

Li mégli figli so’ quiddi r’vutiéddi.
(I figli migliori sono quelli che figlia un vitello, cioè nessuno)

U ciocc arrach a pagghj e lu ciocc sa mang
(L’asino trasporta la paglia e l’asino la mangia)

U lupu pìerdi u pilu ma no u viziu
(Il lupo perde il pelo ma non il vizio)

Cari sìempri addhitta cuomu i atti
(Cade sempre in piedi come i gatti)

Dissi u vermi a nuci: dammi tìempu ca ti spirtusu
(Disse il verme alla noce: dammi tempo che ti buco)

Nda vocca chieus n trasn l mosch
(Nella bocca chiusa non entrano le mosche)

Cu paga avanti, mancia pisci fitusi
(Chi paga prima, mangia pesce che puzza)

L pecur arrocchj e l fess a coppj
(Le pecore in gruppo ed i fessi a coppia)

U cane mozzeca sempe ‘u strazzato
(ll cane morde sempre il pezzente)

•  Puru all’infernu, è meju cu vai a cavaddru ca all’ampede.
(Anche all’inferno è meglio andare a cavallo che a piedi)

•  Allu cavaddru e alla sciumenta  nchiana susu a spaddra, allu ciucciu e lla ciuccia nchianili anculu.
(Sul cavallo e sulla giumenta monta sulla spalla, all’asino e all’asina monta sul sedere)

•  A mujere la machina e lu cane nu sse prestene mai.
(La moglie la macchina e il cane non si danno mai in prestito)

•  Campa cavallo che l’erba cresce
(Chi crede di ottenere subito ciò che richiede tempo….ha voglia di aspettare)

•  Dicette ‘a lucciola, io pure faccio luce.
(Oguno nel suo piccolo si sente importante)

•  U vicinu è serpenti, s’un ti viri, ti senti
(Il vicino di casa è come il serpente, se non ti vede ti sente)

•  L’occhio r’u patruni ,ngrassa ‘u cavaddu
(Con l’occhio del padrane, ingrassa il cavallo – Bisogna sorvegliare chi lavora per noi per ottenere migliori risultati)